I migliori giochi da tavola per cominciare? Ecco quali sono!

i migliori giochi da tavola per cominciare

Vuoi entrare nel mondo dei giochi da tavola moderni ma non sai come fare? Ecco qui i migliori giochi da tavola per cominciare!

Che palle! Quando finisce questa partita???

Le vostre serata intorno ad un tavolo si appisolano tra un monopoly o una partita interminabile a Risiko? Sei stufo di giocare sempre a Taboo e Saltinmente? Allora è arrivato il momento di cimentarsi nei cosiddetti giochi da tavola moderni (spesso abbreviati con GdT). In questo articolo proverò a presentarvi una serie di titoli con alcune “meccaniche” (ossia, meccanismi di gioco) tipiche dei GdT. Scegliete la vostra meccanica, provatela ed entrate in un nuovo modo di sedersi intorno al tavolo con gli amici!

Sushi Go!

Tra i migliori giochi da tavola per cominciare con le meccaniche Draft

Numero di Giocatori: 2-5 | Durata: 15 minuti | Età consigliata: 8+

Sushi Go! il gioco di carte “prendi e passa” è uno dei migliori giochi da tavola per cominciare e per apprezzare la meccanica del “draft”. Nei giochi draft (tra i quali spicca, ad esempio, 7 Wonders), i giocatori hanno una mano di carte, scelgono quale giocare e poi passano le restanti al giocatore a sinistra, fino ad esaurimento.

Questo particolare titolo sfrutta appieno questa meccanica. Immaginate di essere nel vostro ristorante Sushi preferito, di quelli dove vi sedete a fianco al nastro. I piatti continuano a scivolarvi a fianco e voi dovete scegliere: cosa tengo e cosa lascio passare? Eccovi allora tenere una portata di tempura rinunciando a un succulento sashimi; oppure ricaricare la vostra dose di Wasabi da usare sul vostro prossimo nigiri. Le regole sono davvero poche e vi basterà un unica partita per capire quali sono le portate su cui puntare per sbaragliare gli avversari e diventare campioni si Sushi Go!

Infatti, la strategia dipende proprio dal menù che vorrete comporre. Avete a disposizione tre round (ossia tre mani di carte) per collezionare più punti degli altri giocatori. I punti dipendono dai set di carte che comporrete. Ad esempio, una coppia di Tempura varrà 5 punti (mentre una sola carta non vi porterà nemmeno un punticino); un tris di Sashimi varrà 10 punti; i nigiri portano al loro proprietario 1, 2, o 3 punti triplicabili se giocati insieme al Wasabi.

In breve

Cosa aggiungere? Sushi Go! è un gioco veloce, divertente, semplice nelle regole ma abbastanza profondo nelle scelte. Possiamo dire che è un gioco “all you can eat“! Continuerete a giocare fino allo sfinimento ma, anche all’ultima partita, ci sarà ancora spazio per farne un’altra! Provate questo gioco, provate la meccanica del draft, ed entrate nel mondo interessante di questo tipo di giochi grazie a questo titolo che è uno dei migliori giochi da tavola per cominciare.

Disponibile qui al miglior prezzo Amazon!

 

 

Sì, Oscuro Signore

Tra i migliori giochi da tavola per cominciare con i titoli di narrazione

Numero di Giocatori: 4-16 | Durata: 30 minuti | Età consigliata: 8+

Perché nessuno ha ancora portato a me, il vostro Oscuro Signore, la più puzzolente delle puzze, così che io possa presentarmi alla festa in mio onore nel migliore dei modi?

Ma Signore, io ho seguito tutte le Sue indicazioni, solo che sulla strada verso il Castello ho incontrato il Nano Ubriacone che non voleva farmi passare, così ho affidato il Suo bene tanto prezioso al Suo schiavo Giorgio…

Eh già, Sì Oscuro Signore è il gioco dello scarica barile messo su carte! In questo titolo divertentissimo, un giocatore impersonificherà l’Oscuro Signore (cioè il master della partita). A lui sarà affidato il compito di inventare una missione per i suoi sgherri (cioè gli altri giocatori) i quali, per un motivo o per l’altro, non sono riusciti a portarla a termine. Il gioco comincia con il master che annuncia la missione e chiede conto ad uno degli altri giocatori del suo fallimento; il giocatore chiamato in causa dovrà inventare una scusa credibile per scaricare il barile su un altro partecipante. A sua volta, questo secondo giocatore dovrà trovare un nuovo servitore da incolpare. Attenzione! L’Oscuro Signore non si lascerà prendere in giro! Le varie scuse dovranno essere concatenate l’una con l’altra.

Occhio alle occhiatacce!

migliori giochi da tavola per cominciare - Sì oscuro Signore Harry

Un esempio di scusa da utilizzare

Se la vostra scusa non sarà credibile, se negherete o contraddirete scuse precedenti, l’ira dell’Oscuro Signore si abbatterà su di voi attraverso una malefica occhiataccia che vi farà vibrare ogni lembo di carne. Guai a voi se sarete i destinatari di un terzo sguardo oscuro, perché allora avrete perso la partita!

Non avete idee? Nessun problema! Avrete infatti in mano una serie di spunti (da giocare) proprio come la carta qui a fianco.

In breve

Questo gioco, fondato sull’ironia, vi permetterà di approcciarvi ai vari titoli di narrazione (come, ad esempio, C’era una volta o When I Dream) con una meccanica semplice e immediata, che non prevede grandi storie ma brevi scuse facilmente inventabili! Proprio la sua facilità, il suo sostegno nell’inventare le scuse, la possibilità di interagire tra gli avversari, permettono a Sì, Oscuro Signore di entrare a pieno titolo tra i migliori giochi da tavola per cominciare con i titoli narrativi!

Topiary

Tra i migliori giochi da tavola per cominciare con i titoli di piazzamento tessere/lavoratori

Numero di Giocatori: 2-4 | Durata: 15/30 minuti | Età consigliata: 10+

Ogni giorno è un buon giorno per potare siepi. Se poi avete il pollice verde unito all’estro dell’artista potrete scolpire delle vere e proprie statue vegetali. Con Topiary impersonerete uno di questi creativi del giardino, organizzando un parco verde in cui posizionare le vostre composizioni. Ogni statua avrà un’altezza diversa (da 1 a 5) e voi dovrete fare in modo di mostrare ai vostri visitatori il maggior numero di statue possibili. Attenzione però, perché non sarete soli! Gli altri giardinieri hanno il vostro stesso obiettivo, e cercheranno di ostacolarvi piazzando altissime statue davanti ai vostri visitatori che, in questo modo, non riusciranno a vedere altro!

A turno, i giardinieri posizioneranno nel quadrato di tessere 5 x 5 una tessera dalla mano scambiandola con quella presente sul tavolo. Al contempo, posizioneranno un turista al principio della stessa riga, colonna o diagonale in cui hanno effettuato lo scambio.

In breve

Topiary permette di apprezzare le dinamiche di piazzamento tessere e lavoratori (che hanno rese celebre, ad esempio, Carcasonne) in modo semplice e, in particolare, con partite brevi. I giocatori vivranno il piacere di sviluppare strategie di posizionamento e, allo stesso tempo, proveranno un gioco in cui l’interazione può essere alta. Piazzare una tessera non aiuterà semplicemente il vostro punteggio ad aumentare, bensì potrà anche limitare la strategia di un avversario. Insomma, Topiary ha tutto quello che serve per apprezzare il genere, essendo uno tra i migliori giochi da tavola per cominciare con il piazzamento tessere e lavoratori.

Dc Deck Building Game

Tra i migliori giochi da tavola per cominciare con i titoli di Deck Building

Numero di Giocatori: 2-5 | Durata: 45 minuti | Età consigliata: 8+

Gotham City, Metropolis, Central City e Bluedheaven hanno bisogno di voi! I cattivi più cattivi dell’Universo DC si sono riuniti in un unico mazzo. Solo voi potrete fermarli, collezionando nella vostra riserve le armi e gli stratagemmi più utili per sconfiggerli e, sopratutto, per diventare gli eroi più forti del mondo DC! Con DC: Deck Building Game, da 2 a 5 giocatori cercano di collezionare nel proprio mazzo il maggior numero di punti vittoria, acquisibili comprando carte dal mercato o sconfiggendo i cattivino che infestano il tavolo. Il tutto, ovviamente, con la meccanica del Deck Building: in questo tipo di giochi i giocatori partono con un mazzo (di solito di dieci carte) uguale per tutti che sfruttano per comprare nuove carte e arricchire il mazzo stesso.

In questo gioco, ogni giocatore nel suo turno pesca 5 carte dal mazzo, con cui può combattere i nemici oppure comprare nuove carte. Le carte acquisite (nemici sconfitti o carte acquistate dal mercato) finiscono immediatamente nella pila degli scarti. Quando il mazzo si esaurisce, il giocatore deve mescolare gli scarti, potendo quindi (finalmente!) utilizzare le sue nuove carte. Ogni carta ha poi un valore in punti vittoria. Quando l’ultimo “Boss” del gioco è stato sconfitto, i giocatori smontano il loro mazzo contando quanti punti hanno totalizzato.

In breve

La variante DC di una meccanica consolidata (vedi giochi come Dominion o Hero Realms) rende il gioco appetibile anche ai digiuni di GDT, se non altro per le ottime illustrazioni e l’ambientazione perfettamente riuscita. La gestione semplice del mercato lo rende un buon introduttivo rispetto a titoli più blasonati che necessitano però di un po’ più di esperienza in questo tipo di meccaniche. Insomma, buona ambientazione e gioco semplice: è davvero uno tra i migliori giochi da tavola per cominciare!

Nota

Attenzione! Come avrete capito, i giochi di Deck Building prevedono un continuo mescolare di carte, che porta il gioco a rovinarsi nelle sue componenti. Per questo è buona cosa difendere sempre le vostre carte con delle bustine protettive. Per il DC Deck Building, queste sono le migliori: Bustine Sapphire 63,5 x 88

Conclusioni

Ovviamente, questa breve panoramica non può essere esaustiva. Non sono state toccate tutte le meccaniche, non sono presenti nemmeno un decimo dei possibili giochi con cui approcciarsi a questo mondo. Le scelte che vi ho proposto sono quelle che io ritengo migliori per semplicità di regole, spiegazione e, sopratutto, perché parlo di giochi che in poche partite potrete padroneggiare. Inoltre, come avrete notato, ad ogni gioco è collegato almeno un titolo diverso. Sono titoli più blasonati e famosi, che consiglio a coloro che giocando questi introduttivi hanno amato le loro meccaniche e vogliono provare qualcosa di più impegnativo (ma anche più soddisfacente).

 

Buon Gioco!

Leggi anche:

Filosofo, Capo Scout, Educatore e sopratutto… Nerd!

«Homo (ludens) faber ipsius fortunae»

About Fausto "il Prof" Lammoglia

Filosofo, Capo Scout, Educatore e sopratutto... Nerd! «Homo (ludens) faber ipsius fortunae»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *