Giochi da Tavolo – Innovation

Innovation-Recensione

Autore: Carl Chudyk

Editore: iello\ localizzato in italiano dalla Asterion-Asmodee

Numero Giocatori: 2-4

Durata: 45’

Complessità: Media

Tipologia: Gioco di carte

Dipendenza dalla lingua: Alta

Link amazon:

Oggi vi parlerò di un gioco che a me sta molto a cuore in quanto è stato il gioco da tavolo che mi ha introdotto ai boardgame. Vi sto per perlare di Innovation, titolo di carte che simula la crescita tecnologica e scientifica di civiltà partendo dall’epoca preistorica fino ad arrivare all’era digitale.

Ambientazione

Da due fino a 4 civiltà si scontrano progredendo tecnologicamente e scientificamente, cercando di accumulare più influenza delle altre al fine di dominare più ere possibili.

Materiali

Nella piccola e pratica scatola base, a chiusura magnetica, troviamo:

  • 4 plance giocatori
  • 105 carte innovazioni
  • 5 carte campo di influenza
  • 1 Regolamento

Setup

Dividete le carte in base al numero riportato sul retro delle stesse e mischiatele, dopodiché mettetele in cerchio in ordine crescente tenendo da parte le 5 carte campo di influenza in modo tale che siano raggiungibili da tutti. Una volta fatto prendete la prima carta di ogni era e mettetele al centro del cerchio.

Una volta fatto ciò distribuite due carte a ogni giocatore, prese dal mazzo dell’era 1 e una plancia giocatore ciascuno.

Regolamento

Ogni giocatore piazza davanti a a sé (sopra la plancia giocatore) una delle due carte che gli sono state consegnate a inizio partita, il giocatore che ha giocato la carta il cui nome inizia per la lettera più vicina alla lettera A, viene nominato primo giocatore, egli giocherà pertanto per primo e gli altri giocheranno il proprio turno in senso antiorario.

In ciascuno dei suoi turni un giocatore può eseguire due delle seguenti azioni (anche la stessa):

Pescare una carta: il giocatore pesca una carta dal mazzo dall’era corrispondente alla carta più alta attiva nella sua zona di gioco, se il mazzo di tale era è vuoto egli pesca dal mazzo dell’era successiva.

Giocare una carta: il giocatore piazza davanti a sé una carta dalla sua mano, se c’è già una carta dello stesso colore nella sua zona, la carta che vuole giocare va posta sopra la carta dello stesso colore in gioco.

Attivare una carta: il giocatore decide una carta, tra quelle attive nella sua zona (cioè quelle non coperte) e ne legge gli effetti, tutti i giocatori influenzati devono obbligatoriamente svolgere le azioni indicate dalla carta a meno che il testo inizi con la parola “Puoi”.

Dominare: il giocatore, se ha nella sua zona influenza, delle carte la cui somma è almeno 5 volte il valore dell’era più bassa ancora non dominata, può decidere di dominare tale era a patto di avere almeno una carta attiva di valore pari o superiore al valore dell’era da dominare. Il giocatore prende dal centro del cerchio la carta dell’era da dominare e la piazza accanto alla plancia giocatore dove c’è scritto “dominazioni”. Il giocatore vince immediatamente la partita se ha nella sua zona dominazioni 4/5/6 carte rispettivamente per una partita a 2/3/4 giocatori.

Per raccogliere carte nella propria influenza bisogna attivare le carte che permettono di “capitalizzare” (cioè mettere nella propria influenza) determinate carte.

Il gioco finisce non appena un giocatore raggiunge il numero di dominazioni richiesto per vincere la partita, se ciò non accade non appena terminano le carte dell’era 10 il giocatore con più punti influenza è il vincitore.

Considerazioni

Sebbene il regolamento sia leggermente confusionario e l’ambientazione sia scarna (non si sente molto di far evolvere tecnologicamente la propria civiltà), il gioco risulta molto gradevole e scorrevole.

Difatti Innovation è il classico gioco che è più difficile spiegarlo che giocarlo, le regole possono sembrare complesse ma vi assicuro che non appena iniziate a giocare vi sembrerà tutto molto logico e ben presto scoprirete la vostra strategia di vittoria.

In conclusione, il gioco è molto divertente, in due giocatori riuscite a controllare la situazione e a ostacolarvi a vicenda, man mano che il numero di giocatori cresce invece il gioco diventa sempre più imprevedibile e le ere termineranno molto rapidamente e fare una strategia di gioco diventerà sempre più difficile.

In somma se avete l’occasione di provarlo vi dico: dategli una chance! Ma vi avverto: vi occorrerà qualche partita per entrare nel meccanismo e capire le strategie da attuare.

Inoltre vi segnalo che esiste in italiano anche l’espansione Innovation:Echoes che continene nuove carte.

PRO CONTRO

  • Gioco dalla durata contenuta – Ambientazione carente
  • Setup veloce
  • Alta interazione tra i giocatori
  • Regala numerose soddisfazioni
  • Prezzo contenuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *